Ritorna alla home page
         
   
LA LIBRERIA CONSIGLIA CONSIGLI DEI LETTORI BIBLIOGRAFIE

Il bello di una libreria è anche lo scambio di opinioni tra lettori.

Abbiamo provato a riproporre questi "colloqui" sul nostro sito, dove è possibile a chiunque segnalare un libro particolarmente apprezzato o visionare i consigli degli altri per conoscere nuovi mondi letterari.

Naturalmente sarà nostra cura fare in modo che i libri segnalati (e ancora in catalogo) siano disponibili in libreria!

Categorie dei libri consigliati
  • Altro (20)
  • Da NON leggere (20)
  • Per chi ama il brivido (15)
  • Per chi ama immergersi in altre epoche (16)
  • Per chi ama la tavola (16)
  • Per chi ama le storie impossibili (15)
  • Per chi apprezza l'arte (16)
  • Per chi cerca l'illuminazione (9)
  • Per chi sa apprezzare la buona letteratura (19)
  • Per chi sta crescendo (12)
  • Per chi sta dalla parte dell'altro (16)
  • Per chi vuole conoscere altri popoli (22)
  • Per chi vuole ridere (14)
  • Per chi vuole saperne di più (13)
  • Per chi vuole svagarsi (15)
  • Per i piccoli lettori (17)
  • Per lettori curiosi e onnivori (13)
  • Recensiti sulla Newsletter nella rubrica e-letti (28)
      5ixNMJ5uo (1)
      7vONNeXw (1)
      98Mzuddew8 (1)
      Buio d'amore (1)
      Cemento... armato (1)
      eegmFjIQ (1)
      Il caso sbagliato (1)
      Il libraio sotterraneo (1)
      IY5qiQ2Pkdu9 (1)
      JhbiAdgrI (1)
      Kemal Atatürk. Il fondatore della Turchia moderna (1)
      L'erranza (1)
      L'Europa raccontata da Jacques Le Goff (1)
      La porta (1)
      La separazione del Maschio (1)
      La storia di un matrimonio (1)
      Mattia Saba (1)
      mItbTplVP9C (1)
      NkAjjbEYthYo (1)
      PYQxrech05L (1)
      s3kOqT5JPu8 (1)
      Sangue Solo (1)
      Scienza e sentimento (1)
      
    di Antonio Pascale 
    Dateci 100, 1000 Pascale, ma ci accontenteremmo anche di meno. Ma non solo del fine narratore de La manutenzione degli affetti e Passa la bellezza, oggi abbiamo bisogno del Pascale che con onestà intellettuale e una dose di sano pragmatismo ci scuote dal torpore della notte del buon senso. Ho più o meno la stessa età e buona parte di percorso formativo in comune con l’autore (studi classici e poi la facoltà di agraria) e mi ricordo molto bene anche io com’era brutta e di sapore cattivo la frutta degli anni ’60 e 70, ti salvavi raramente dalle fregature. Per non parlare poi di fettine di carne che, dopo essersi magicamente ridotte almeno della metà durante la cottura, potevano tranquillamente essere destinate ad usi non alimentari. Quello che Pascale sottolinea e che induce Pietro Citati, Carlin Petrini e tanti altri, quando sono in buona fede, a magnificare i saporiti e salubri prodotti di una volta rispetto a quelli di oggi, è probabilmente solo il fatto che i ricordi di quando eravamo bambini, adolescenti o giovani sono, per forza, dei bei ricordi. Questo libro dovrebbe essere reso obbligatorio agli studenti, per allargare i loro orizzonti diabolicamente compressi da slogan pubblicitari e affermazioni ideologiche spesso senza fondamento. Ma dovrebbe anche essere parte di un corso di recupero intellettuale per chi ha passato i 40. Chi può dire di non essere ambientalista ? chi desidera vivere in un ambiente peggiore ? ovviamente nessuno. A questo proposito è illuminante il richiamo fatto da Pascale a Norman Borlaug, premio Nobel per la pace nel 1970 e massimo sperimentatore della genetica (quella degli OGM) sul grano, che consentito di raddoppiare la produttività. Ai critici della cosiddetta rivoluzione verde Borlaug spiega che se la resa dei cereali fosse rimasta quella degli anni ’60, per avere i raccolti di oggi servirebbero 850 milioni di ettari di terra in più, una superficie che non è disponibile, salvo disboscare interi ecosistemi. Allora: chi è più verde ?. Negli anni ’70 il Club di Roma di Aurelio Peccei teorizzava la imminente fine delle risorse petrolifere, negli anni ’80 abbiamo vissuto nell’incubo di una nuova era glaciale e oggi siamo terrorizzati dal riscaldamento globale. Il problema è che molto spesso oggi chi parla alle folle dei grandi temi legati ai fenomeni fisici, agli sviluppi della chimica, della genetica o della biologia molecolare spesso non ne sa nulla, vengono manipolati i sentimenti ed estorte emozioni. Pascale ha ragione, ad esempio, anche quando insiste che oggi non possiamo permetterci di essere completamente ignoranti di chimica, è la chimica che ha fatto cambiare e progredire il mondo più di ogni altra cosa negli ultimi 200 anni e, grazie al cielo, non ha ancora finito. Dopo aver letto l’ottimo Scienza e sentimento di Pascale, andate a dare un’occhiata a I bottoni di Napoleone. Come 17 molecole hanno cambiato la storia (Penny Le Couteur, Jay Barrison, Longanesi 2007) e ne scoprirete delle belle.
     Carlo Sacchetto -
      tp6QJIae1j0e (1)
      Un amore supremo (1)
      Uomo nel buio (1)
      Vz7rAcBax (1)
      xy7eUV0NUSs (1)

  • Consiglia un libro
     Titolo del libro  Autore  
     Commento
     Consigliato per
     Nome  email*  
    Per favore, inserirsci qui il codice 

    Newsletter

    Il libro del mese

    In evidenza

    Gli appuntamenti

    Home